Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_colonia

Atti Notarili

 

Atti Notarili

Alla luce delle nuove disposizioni, a partire dal 1 gennaio 2012, per gli atti notarili ci si dovrá rivolgere ai notai in loco. Consultando il sito www.notar.de è possibile verificare la conoscenza della lingua italiana da parte dei notai tedeschi più vicini al proprio domicilio.

È consigliabile far predisporre dal notaio italiano rogante il testo completo della procura da esibire al notaio tedesco al fine di consentire a quest’ultimo di procedere alla mera autenticazione notarile della firma o comunque a redigere l’atto nel modo più conforme possibile.

Si ricorda che qualora l’atto fosse redatto dal notaio tedesco nella sola lingua tedesca o dovesse contenere la c.d. formula di autenticazione in lingua tedesca, questo deve essere tradotto in italiano al fine della sua validità in Italia. La traduzione deve essere eseguita da un traduttore giurato con firma depositata presso questo Consolato Generale e legalizzata da questo ufficio. Per la legalizzazione è necessario presentare sia il documento tedesco sia la traduzione (costi € 24,00). L'elenco dei traduttori che hanno depositato la propria firma presso il Consolato si trova qui.

 

ATTIVITÀ DI AUTENTICAZIONE AMMINISTRATIVA

L'attività di autenticazione è svolta da un pubblico funzionario del Consolato. Trattasi in particolare di:

  • AUTENTICA DI FIRMA (€ 10,00): consiste nell'attestazione da parte del pubblico funzionario della provenienza di un atto da parte del soggetto che lo ha firmato; per procedere all'autenticazione della firma, è necessario presentarsi personalmente al Consolato con un documento di     riconoscimento e, ove possibile, il proprio codice fiscale.
  • COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE (€ 7,00 x foglio): dietro presentazione di un documento italiano
    e la sua copia fotostatica.
  • TRADUZIONI (€ 24,00): vengono legalizzate le firme del traduttore giurato che abbia depositato la propria firma in Consolato. E’ necessario presentare sia il documento redatto in lingua tedesca sia la relativa traduzione in lingua italiana recante l'annotazione del traduttore: "LA PRESENTE TRADUZIONE E' CONFORME ALL'ORIGINALE CHE SI ACCLUDE". E’ possibile consultare l’elenco dei traduttori alla voce “elenchi professionali” su questo sito. La legalizzazione delle traduzioni riguarda esclusivamente i testi tradotti dalla lingua tedesca alla lingua italiana.

 

Domande frequenti

Come ottenere la liquidazione dei buoni fruttiferi e libretti di risparmio postale detenuti in Italia da cittadini italiani o stranieri residenti all’estero.

L'Ente Poste Italiane S.p.A. esegue il rimborso dei titoli di risparmio postale (buoni fruttiferi e/o libretti di risparmio) detenuti in Italia da cittadini italiani e stranieri residenti all’estero mediante l’accredito diretto delle relative somme sul conto corrente bancario degli interessati o l’invio a mezzo posta di un assegno bancario emesso dall’Ente Poste.

A tal fine, gli aventi diritto dovranno compilare e sottoscrivere:

1) la richiesta di rimborso di titoli di risparmio postale da parte di persone residenti all'estero, compilando l’apposito Modulo W14 (inserire collegamento ipertestuale), avendo cura di indicare con attenzione il numero di serie dei buoni, il valore, la data di emissione e l’ufficio postale di emissione;

2) il modulo “Modalità pagamento buoni o libretti postali” (inserire collegamento ipertestuale) predisposto dall’Ente Poste, riguardante appunto la scelta della modalità di pagamento. Si evidenzia l'importanza della corretta e completa compilazione del modulo per la scelta del pagamento, sul quale dovranno essere riportati in modo leggibile tutti i dati richiesti, prestando particolare attenzione, nel caso di scelta di accredito sul conto corrente, alla descrizione del numero di conto internazionale (codice IBAN) del beneficiario e della relativa intestazione, nonché del codice internazionale (BIC Code) della banca che gestisce il conto.

 

I suddetti moduli dovranno essere accompagnati da una copia autenticata del passaporto in corso di validità e del codice fiscale degli aventi diritto.

La firma apposta su ciascun modello dovrà essere autenticata:

  • dall’Ufficiale del Consolato Generale: in tal caso, il richiedente dovrà presentarsi personalmente presso gli uffici del Consolato Generale, munito di valido documento di riconoscimento (passaporto o carta di identità italiana in corso di validità), e apporre la firma in presenza di un funzionario del Consolato Generale (per maggiori informazioni sull’autentica di firma, clicchi qui) (inserire collegamento ipertestuale con sezione atti notarili);

oppure

  • da un notaio tedesco.

 

Una volta compilati i suddetti moduli secondo le modalità descritte, questi dovranno essere inviati per posta (si consiglia per raccomandata con ricevuta di ritorno) insieme ai buoni fruttiferi e/o libretti postali in originale direttamente dagli interessati alle Poste Italiane, al seguente indirizzo:

     Poste Italiane
     Divisione Bancoposta
     Direzione Operazioni
     Servizio Risparmi
     Via di Torpagnotta, 2
     00143 ROMA (ITALIA)

 

Nota bene: si precisa infine che eventuali spese o commissioni richieste dalla banca estera dovranno intendersi a carico del beneficiario.

 

In alternativa alla procedura sopradescritta, l'interessato può rivolgersi ad un notaio locale per stipulare una procura speciale alla riscossione, dando mandato ad un procuratore in Italia di riscuotere le somme relative ai titoli di risparmio postale dallo stesso detenuti.

A tal fine, nella procura dovranno comparire elencati, nell'ordine di emissione, i relativi buoni e/o libretti postali, nonché il loro ammontare.

Per maggiori informazioni sulle procure, clicchi qui. (inserire collegamento ipertestuale con sezione atti notarili)

 

Come ottenere la liquidazione dei buoni fruttiferi e libretti di risparmio postale italiani caduti in successione a seguito del decesso del titolare o cointestatario dei titoli.

Nel caso di buoni postali fruttiferi o libretti di risparmio postale caduti in successione a seguito del decesso del titolare o cointestatario dei titoli, dovrà essere osservata la seguente procedura.

A) Se il defunto aveva la cittadinanza italiana, l’elenco dei documenti da inviare a Poste Italiane è il seguente:

1) certificato internazionale di morte, tradotto in italiano;

2) copia del passaporto italiano della persona defunta;

3) eventuale testamento tradotto in italiano (si ricorda che occorre legalizzare la firma del traduttore giurato.
Per maggiori informazioni sulla legalizzazione di firma, clicchi qui) (inserire collegamento ipertestuale con sezione atti notarili);

4) dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi del D.P.R. 445 del 28/12/2000 - resa da un erede di cittadinanza italiana - riflettente lo stato della successione oppure dichiarazione resa da tutti gli eredi dinanzi un notaio locale, se tutti gli eredi sono di cittadinanza tedesca;

5) compilazione e sottoscrizione autenticata (secondo le modalità descritte più sopra) del modulo di richiesta di rimborso di titoli di risparmio postale (modello W14) da parte di tutti gli eredi oppure di un solo erede, ma in possesso della delega rilasciata dagli altri coeredi;

6) compilazione e sottoscrizione autenticata (secondo le modalità descritte nel paragrafo precedente) del modello ”modalità pagamento buoni o libretti postali”;

7) buoni fruttiferi o libretti postali in originale;

8) copia autenticata del documento di riconoscimento del/i dichiarante/i (passaporto o carta di identità italiana in corso di validità) e del/i codice/i fiscale/i italiano/i.

B) Se il defunto aveva la cittadinanza tedesca, l’elenco dei documenti da inviare a Poste Italiane è il seguente:

1) certificato di morte internazionale e tradotto in italiano;

2) copia del documento d’identità del defunto;

3) eventuale testamento tradotto in italiano (si ricorda che occorre legalizzare la firma del traduttore giurato. Per maggiori informazioni sulla legalizzazione di firma, clicchi qui) (inserire collegamento ipertestuale con sezione atti notarili);

4) certificato comprovante la successione secondo la legge tedesca con l’indicazione degli eredi cui deve essere liquidata l’eredità, rilasciato dall’autorità competente o da un avvocato tedesco – tradotto in italiano e legalizzato;

5) dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi del D.P.R. 445 del 28/12/2000 - resa da un erede di cittadinanza italiana - riflettente lo stato della successione per individuare gli eredi legittimi oppure dichiarazione resa da tutti gli eredi dinanzi un notaio locale, se tutti gli eredi sono di cittadinanza tedesca, riflettente lo stato della successione per individuare gli eredi legittimi;

6) compilazione e sottoscrizione autenticata (secondo le modalità descritte più sopra) del modulo di richiesta di rimborso di titoli di risparmio postale (modello W14) da parte di tutti gli eredi oppure di un solo erede, ma in possesso della delega rilasciata dagli altri coeredi;

7) compilazione e sottoscrizione autenticata (secondo le modalità descritte più sopra) del modello ”modalità pagamento buoni o libretti postali”;

8) buoni fruttiferi o libretti postali in originale;

9) copia autenticata del documento di riconoscimento del/i dichiarante/i (passaporto o carta di identità italiana in corso di validità) e del/i codice/i fiscale/i italiano/i.

 

 


30